Continuando la navigazione, significa che accetti l'uso dei cookie ed hai letto, compreso e accettato l'informativa sulla privacy. Ok, prosegui

Fermali! Clicca qui
Partners
Richiedi Newsletter
Invia ad un amico
Sostienici
IBAN: IT 20 Y 02008 12152 000102734829
Valid XHTML 1.0 Transitional   CSS Valido!
[Valid RSS]
  Microsoft Internet Explorer 7.0 Mozzilla Firefox Opera Safari Google Chrome
Francesco Avella: ''Perche' non sono vegano. Le ragioni di un libero pensatore''
30 Ottobre 2017
Stampa  

 

È fresco di pubblicazione un altro libro contro l'estremismo vegano: “Perché non sono vegano. Le ragioni di un libero pensatore”, di Francesco Avella, edito da Delos Digital

Avella, che ha annunciato la pubblicazione a FederFauna con una mail, scrive: “C'è chi ha attaccato il veganismo basandosi su nozioni scientifiche in merito all'alimentazione, altri sulle tradizioni cristiane e sulla cultura mediterranea, invece io, da ateo e libero pensatore, ho basato i miei argomenti su una visione naturalistica della natura e sull'importanza della libertà di pensiero, evidenziando il potenziale pericolo derivante dalla filosofia vegana che, se imposta politicamente, sarebbe liberticida come poche altre.”

Avella, infatti, si chiede: “Perché non si può essere liberi di scegliere come rapportarsi nei confronti del mondo animale? Perché bisognerebbe essere costretti a seguire delle regole imposte da qualcun altro?”, e spiega: “In questo libro troverete le ragioni di una persona qualunque, con i suoi limiti, i suoi pregi e tutta la forza di una chiara e autonoma libertà di pensiero. Questo libro vuole essere una sorta di manifesto in difesa della libertà di pensiero in merito al rapporto che abbiamo con gli animali. Il veganismo è una scelta rispettabile, a patto che non diventi l'ennesima religione liberticida.”

In linea con questi concetti, nel libro, l’autore scrive ad esempio che: "Se è vero che dovremmo trattare meglio gli animali e limitare i nostri consumi per non impattare troppo sul pianeta, è anche vero che non possiamo permettere che l'estremismo animalista diventi l'ennesima Inquisizione liberticida" ; "In virtù di questi valori antispecisti, i vegani più estremisti vorrebbero il reato di apologia dell'alimentazione onnivora e imporre una vera e propria Dittatura Vegana. C'è chi combatte per ottenere dei diritti e chi, invece, combatte per toglierli; e quanto può essere etico vietare alle persone di poter scegliere?"

Per chi fosse interessato, per l'acquisto postiamo i seguenti Link:

www.delos.digital/9788825403725/perche-non-sono-vegano-le-ragioni-di-un-libero-pensatore
www.amazon.it/Perché-non-sono-Vegano-coriandoli-ebook/dp/B076MQYNJF/
www.lafeltrinelli.it/ebook/francesco-avella/perche-non-sono-vegano-ragioni/9788825403725

Qui il profilo Facebook dell’autore.
www.facebook.com/francescoavellascrittoreateo

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su FriendFeed
        Aggiungi ai preferiti


Permalink:

Linka questa pagina (HTML):


News

Flash Player non trovato: lo puoi scaricare qui.



Tutte le News...
Parlano di noi
Vedi anche:
Attenzione: il tuo browser potrebbe essere obsoleto.

Per utilizzare al meglio le funzionalità del sito utilizza uno dei seguenti browser


Attenzione: per sfruttare le funzionalità del sito devi avere javascript abilitato nel tuo browser