Continuando la navigazione, significa che accetti l'uso dei cookie ed hai letto, compreso e accettato l'informativa sulla privacy. Ok, prosegui

Fermali! Clicca qui
Partners
Richiedi Newsletter
Invia ad un amico
Sostienici
IBAN: IT 20 Y 02008 12152 000102734829
Valid XHTML 1.0 Transitional   CSS Valido!
[Valid RSS]
  Microsoft Internet Explorer 7.0 Mozzilla Firefox Opera Safari Google Chrome
Parmiciano: ''I due pesi e le due misure degli animalisti''
28 Giugno 2013
Stampa  

 

Teneri quando vogliono inquisitori quanto decidono.

Mi sento in dovere di dover rispondere hai signori della LAV che hanno preso le difese della da loro citata, Giulia Carlini  https://www.facebook.com/photo.php?fbid=573272372713884&set=a.543154485725673.1073741828.199124936795298&type=1&theater

Dove vengono usati toni di grande comprensione, nel giustificare il comportamento della stessa, toni che non vengono mai usati nei confronti di negozianti o allevatori è altre categorie, che quando vengono da loro accusati o denunciati, abbiamo assistito a famiglie intere, distrutte da verbali salatissimi è da denuncie penali durate anni, con migliaia di euro in spese di avvocati  è tempo perso, imprenditori che si sono viste chiudere le proprie attività, togliendo il lavoro a loro è un sostentamento economico alle loro famiglie, è il tutto svolto con una ferocia inimmaginabile, trattati come dei delinquenti,perseguitati come dei criminali, persone che magari avevano dei cuccioli in degli spazi che misuravano pochi cm. In meno da quelli previsti dalla legge,basta pensare che in mia presenza in un negozio fù fatta una discussione incredibile perché la misura di un recinto regolamentare, doveva essere 2,50 mt. per  2,00 mt. Mentre ne misurava 2,45 mt. per 1,95 mt.,  È non perché lo vollero fare più piccolo, ma per errore furono rispettate queste misure  all’esterno e non all’ interno, quindi si persero i 5 cm. Della struttura, questo è per darvi un piccolo esempio di cosa stiamo parlando,  per non parlare del problema dell’ età dei cuccioli,che ormai è diventato il cavallo di battaglia di questi, che  fanno sequestrare dei cuccioli con la classica scusa dell’ età, ne sono testimone che 18 cuccioli posti sotto sequestro, che dopo 2 anni di cause e soldi buttati si costatava che non era vero che erano regolari i documenti è l’età,è visto che la persona che gli furono sequestrati i cuccioli fu dichiarata persona estranea hai fatti, non ha nemmeno potuto chiedere un risarcimento danni, che dopo 2 anni di mantenimento dei 18 cani in una struttura a pagamento, e tutte le spese di avvocati, questa azienda fù costretta a chiudere, oggi disoccupati , la signora è il  marito è tre figli senza sicurezze economiche, quindi il loro intendo non è mai stato quello di far rispettare la legge, ma quello di trovare piccoli cavilli ,per far chiudere e distruggere aziende è il lavoro delle persone,quando entrano in un azienda hanno un protocollo preciso, iniziano con i cavilli, i medici nominati sono sempre loro simpatizzanti, fanno di tutto per arrivare al sequestro, poi inizia la distruzione mediatica, in appena un giorno notate che le notizie che parlano di quella azienda sono in testa a tutti i motori di ricerca in poche ore,  pubblicizzandosi sulle spalle della povera gente ,che lavorava e si spaccava la schiena per poter andare avanti, non si sono mai fatto scrupolo,se quelle persone avessero una famiglia, dei figli da crescere, se dopo il loro intervento in preda alla disperazione, avrebbero fatto qualche fesseria di togliersi la vita, anzi magari lo avesse fatto!  veniva anche applaudito il gesto in rete come si e fatto in altri casi analoghi, di cacciatori che incidentalmente hanno ucciso un congiunto, o altri episodi funesti, è tutto  questo  per futili motivi, magari sbattuti in prima pagina di qualche giornale, che con la menzogna è la consapevolezza di  giornalisti a loro simpatizzanti ,non avrebbero mai fatto smentita di quello che a loro veniva imbeccato, ancora oggi in questo settore questi signori vanno avanti con menzogne, è scansandosi qualunque confronto pubblico con chi invece può dimostrare con i fatti i loro archibugi ,creati per chissà quali scopi ,che vanno ben oltre i motivi filantropici che vogliono dare ha intendere a chi  versa a loro dei soldi ,o li applaude in certe azioni, questo non è l’unico caso, ma ci sono centinaia di commercianti che possono dire cosa è successo quando sono andati nelle loro aziende a portargli  via gli animali che loro ritenevano maltrattati, portati via con le loro auto è non con mezzi autorizzati, venivano messi nei cofani delle auto,con il caldo o il freddo, in scatole anguste, portandoli nei loro uffici a volte tenuti in un modo pietoso anche per giorni fino a quando non avessero trovato una soluzione al problema, è in quel caso non si trattavano di animali destinati a chissà quali  infausti destini, ma animali che erano in aziende ormai da mesi,  che poi guarda caso dopo pochi giorni vengono dichiarati ammalati o addirittura morti,  magari dando la colpa a chi li aveva tenuti prima di loro per mesi, senza dire che  chi li aveva prima di loro  da mesi , non aveva fatto morire  nessuno, ma che questo problema , è nato solo dopo pochi giorni  di loro possesso, chiaramente il tutto viene incorniciato da mille esami e certificati fatti sempre da veterinari simpatizzanti,un po’ di sana pubblicità fatta da politici che hanno del potere mediatico, è il gioco è fatto.

Quindi credo di interpretare chi ha pubblicato queste foto dando del malfattore a chi ha fatto questo, non perché spinto da idiota animalismo, ma perché a voluto proprio far notare che è facile condannare o giudicare chi possiede degli animali, è che magari una foto è un commento cucito ad arte può trasformare tutto, quante volte entrano queste persone accompagnate con i tutori della legge, è magari in quel momento ci sono dei cuccioli in qualche trasportino , o magari sono stati tolti i beverini per poi lavarli è rimetterli, o situazioni che sono provvisorie come quei topi nel bagno, è questi subito assumono un atteggiamento da inquisitori , e senza nessun tipo di considerazione, iniziano a fotografare , a incolpare in mala fede, ha colpi di decreti è leggi tentano in tutti i modi di  indurre le forze dell’ ordine ad elevare il massimo delle pene, o addirittura il sequestro ,

è concludo con una semplice osservazione, se una persona ama gli animali come hanno sempre sostenuto questi signori, non importa in che modo erano tenuti prima, ho  quale sorte erano destinati, ma in questo caso per dar forza al loro idealismo, quei topi dovevano essere stati collocati nella loro camera da letto, è magari  lei doveva dormire nella vasca da bagno, questo gesto  ha dimostrato che animalista o no, il posto che lei a ritenuto opportuno per quella specie era la camera da bagno , è non altro,ecco perché sono fermamente convinto che queste persone dopo aversi conquistato qualche pagina di giornale, è quando le luci si sono spente, fanno emergere il loro vero essere, non amante degli animali, ma disprezzo verso gli uomini.



Autore: Francesco Parmiciano, Segretario FederFauna Campania

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su FriendFeed
        Aggiungi ai preferiti


Permalink:

Linka questa pagina (HTML):


News

Flash Player non trovato: lo puoi scaricare qui.



Tutte le News...
Parlano di noi
Vedi anche:
Attenzione: il tuo browser potrebbe essere obsoleto.

Per utilizzare al meglio le funzionalità del sito utilizza uno dei seguenti browser


Attenzione: per sfruttare le funzionalità del sito devi avere javascript abilitato nel tuo browser