Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni... Ok, prosegui

Fermali! Clicca qui
Partners
Richiedi Newsletter
Invia ad un amico
Sostienici
IBAN: IT 20 Y 02008 12152 000102734829
Valid XHTML 1.0 Transitional   CSS Valido!
[Valid RSS]
  Microsoft Internet Explorer 7.0 Mozzilla Firefox Opera Safari Google Chrome
FederFauna: boom di accessi al sito dopo la lettera di Filippi a Felicetti (Lav)
01 Giugno 2017
Stampa  

 

Ma gli amici temono per la sua incolumita'

Boom di accessi al sito di FederFauna per la pubblicazione della lettera intitolata "Cacciatore si', ma non di cuori solitari", scritta l'altro giorno dal Segretario Generale Massimiliano Filippi, dopo che a finire nel mirino degli animalisti, oltre a FederFauna, e' stata la sua azienda agricola, attivita' lavorativa privata, che nulla ha a che vedere con la Confederazione se non l'esservi iscritta.
 
Forse gli animalisti, in particolare la Lav, hanno pensato di colpire FederFauna colpendo il suo Segretario, che ha pero' risposto agli attacchi con l'ironia, evidentemente apprezzata dagli internauti, che hanno preso d'assalto il sito di FederFauna con migliaia di nuove visualizzazioni. Una cosa che non succedeva dai tempi della prima edizione del "Premio Hitler".

Dopo la pubblicazione, a Filippi sono giunti numerosi messaggi di sostegno, ma anche alcuni che manifestano preoccupazione. Uno su tutti recita: "Hai avuto il coraggio di dire quello che pensano tutti, ma ora stai attento, quelli sono pericolosi."

Filippi ha risposto di non essere preoccupato: "mi premeva di piu' difendere il mio lavoro e la mia famiglia e alle denunce degli animalisti sono abituato."

Tutto nasce dal fatto che Filippi e' un allevatore e anche se un po' tutti gli allevatori sono oggetto di attacchi da parte dei sedicenti sostenitori dei diritti degli animali, lui nell'ultimo periodo ne ha ricevuti piu' di quanto possa essere tollerabile.

Pochi mesi fa ha rilevato un'azienda agricola da molti anni dedita all'allevamento di bovini, prima da latte e poi da carne, e piu' recentemente passata ai visoni, subentrando nella sua conduzione. L'operazione, perfettamente legale e che peraltro sta creando lavoro per diverse imprese locali ed ha notevolmente diminuito l'impatto ambientale dell'attivita' a vantaggio anche dei cittadini residenti nella zona, non e' pero' piaciuta affatto agli animalisti, che hanno tentato e continuano a tentare di contrastarla in tutti i modi.

Cosi', alle pittoresche manifestazioni del gruppo "Centopercentoanimalisti" davanti ai cancelli dell’azienda, si sono aggiunte diverse iniziative finalizzate a boicottare l'attivita' condotte o coordinate dalla Lav, che agisce in maniera forse meno plateale, ma certo non meno grave, andando ad incidere e in modo insistente sulla sfera privata, professionale delle persone.

Filippi ha risposto cosi'.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su FriendFeed
        Aggiungi ai preferiti


Permalink:

Linka questa pagina (HTML):


News

Flash Player non trovato: lo puoi scaricare qui.



Tutte le News...
Parlano di noi
Vedi anche:
Attenzione: il tuo browser potrebbe essere obsoleto.

Per utilizzare al meglio le funzionalità del sito utilizza uno dei seguenti browser


Attenzione: per sfruttare le funzionalità del sito devi avere javascript abilitato nel tuo browser