Continuando la navigazione, significa che accetti l'uso dei cookie ed hai letto, compreso e accettato l'informativa sulla privacy. Ok, prosegui

Fermali! Clicca qui
Partners
Richiedi Newsletter
Invia ad un amico
Sostienici
IBAN: IT 20 Y 02008 12152 000102734829
Valid XHTML 1.0 Transitional   CSS Valido!
[Valid RSS]
  Microsoft Internet Explorer 7.0 Mozzilla Firefox Opera Safari Google Chrome
Lupo, FederFauna e ACR sostengono il progetto Carta Europea delle predazioni
28 Aprile 2020
Stampa  

 

FederFauna, Confederazione Sindacale degli Allevatori, Commercianti e Detentori di Animali, con ACR, Associazione per la difesa e la promozione della Cultura Rurale, sostengono il progetto "Carta Europea delle predazioni".

Il progetto, lanciato in Francia dal "Collettivo L113" impegnato a difendere il benessere delle mandrie al pascolo, gia' sostenuto in Svizzera dalla "Associazione Romande pour des Territoires Sans Grands Predateurs", e' stato recentemente presentato in Italia, dove il proliferare dei grandi predatori, lupi in particolare, sta avendo un impatto sempre piu' significativo.

FederFauna, che difende gli interessi degli allevatori di qualsiasi specie, ha da subito appoggiato l'iniziativa, che mira a coinvolgere sia gli allevatori che i cacciatori che, piu' in generale, tutti i portatori di interessi del mondo rurale.

La Carta Europea delle predazioni potrebbe raccogliere dati indispensabili, che oggi, secondo diversi pastori e malgari che operano in diverse Regioni Italiane, sarebbero carenti. Pare, infatti, che molte volte sia difficile dimostrare un danno da predazione, ad esempio quando i predatori portano via le carcasse degli animali che uccidono. E anche trovando le carcasse, spesso il risarcimento ottenibile non coprirebbe nemmeno le spese per smaltirle.
 
Cosi' molte predazioni semplicemente non risulterebbero, perche' non verrebbero segnalate, dando la possibilita' ai soliti animalisti di stimare molti meno predatori di quelli che ci sarebbero in realta' o sostenere che comunque non producano danni.

I danni, invece, ci sarebbero eccome e a subirli non sarebbero solo innocenti agnellini, vitelli o qualche cane malcapitato, ma l'intera filiera che sui pascoli produce latte, carne e formaggi di qualita' e a caduta anche i consumatori.

FederFauna ed ACR considerano quindi la Carta Europea delle predazioni uno strumento quanto mai utile, non solo per gli allevatori o i cacciatori, ma anche per i tecnici e per tutti coloro che dalle attivita' rurali traggano beneficio anche non economico.

   



Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su FriendFeed
        Aggiungi ai preferiti


Permalink:

Linka questa pagina (HTML):


News

Flash Player non trovato: lo puoi scaricare qui.



Tutte le News...
Parlano di noi
Vedi anche:
Attenzione: il tuo browser potrebbe essere obsoleto.

Per utilizzare al meglio le funzionalità del sito utilizza uno dei seguenti browser


Attenzione: per sfruttare le funzionalità del sito devi avere javascript abilitato nel tuo browser